A Leon il Cammino di Santiago raggiunge il culmine di bellezza architettonica grazie alla spettacolare cattedrale, in assoluto una delle più belle della Spagna, ma anche grazie a tanti altri monumenti tutti di un’austera bellezza e di una forte spiritualità che la rendono uno dei principali punti di riferimento lungo il cammino.

La Cattedrale

Partite proprio dalla Catedral, con i suoi pinnacoli e gli archi rampanti che sostengono le pareti fatte più da vetrate che da blocchi di pietra, l’emblema dell’architettura sacra casigliana nonché il cuore della città di Leon.

Sempre illuminata, dal sole di giorno e da potenti fari di luce di sera, la straordinaria facciata della chiesa è fatta di un rosone di grandi dimensioni e di due imponenti torri. All’interno le vetrate policrome, realizzate fra il XIII ed il XIV secolo, creano un’atmosfera davvero unica.

Fra le tante altre cose da ammirare il chiostro inondato di luce, con affreschi del XV secolo, ed il Museo Catedralico Diocesano, con opere di Junì, Gaspar becera, ed immagini della Vergine Maria in stile romanico.

La Real Basilica de San Isidoro

Da non perdere anche la Real Basilica de San Isidoro, fondata nel 1063 e considerata l’emblema del romanico spagnolo, con la Puerta del Perdòn opera di Maestro Mateo, il genio della cattedrale di Santiago de Compostela.

Adiacente alla chiesa poi vi aspetta il Panetèon Real che, sotto ad una volta di spettacolari affreschi romanici, ospita i sarcofagi se sovrani casigliani scampati ai saccheggi delle truppe napoleoniche.