Il Vallo di Adriano è una fortificazione fatta costruire dall’imperatore romano Adriano a difesa del confine settentrionale dell’impero. Venne iniziato nel 122 d. C. e concluso sei anni dopo. Il muro era lungo 173 chilometri, alto cinque metri e largo tre. A protezione del muro venne scavato un fossato largo dieci metri e profondo tre. Il muro correva da Wallsend-on-Tyne, sul mare del Nord vicino a Newcastle, a Bowness on Solway, sul mare d’Irlanda, vicino a Carlisle.

Lungo il muro erano costruiti, a intervalli regolari di circa un chilometro e mezzo (un miglio romano), i fortini per le guarnizioni (chiamati milecastle). Ogni fortino era separato dall’altro da due torri di avvistamento, distanti circa 500 metri l’una dall’altra. Vennero anche costruiti 16 forti, destinati a ospitare fino a mille uomini con cavalli. Il Vallo di Adriano è considerato uno dei maggiori lavori dell’ingegneria antica. Ora rimangono solo alcuni tratti dell’antico muro e del fossato. Il paesaggio che li circonda sono le aspre brughiere del Northumberland e della Cumbria.

Newcastle

Newcastle upon Tyne può essere la prima tappa dell’itinerario (che comunque può essere affrontato nei due sensi). È la principale città dell’Inghilterra settentrionale. Venne fondata dai romani, come stazione lungo il Vallo. Il suo nome latino era Pons Aelius. In città c’è un importante Museum of Antiquities. Qui sono conservati numerosi resti di oggetti e lapidi ritrovati lungo il Vallo. C’è anche un plastico in scala del muro.

Nel tratto di strada che separa Newcastle dal villaggio di Corbridge, si può visitare il tempio di Benwell. Il tempio era consacrato a una divinità del posto e faceva parte del forte di Condercum, di cui però non rimane niente. A Heddon on the Wall è visibile un lungo tratto de muro, mentre non è più visibile il forte Vindobala che sorgeva nei pressi.

Corbridge

Corbridge è uno dei più bei luoghi da visitare lungo il percorso. È un villaggio sul fiume Tyne, con un’antica chiesa di origine anglosassone, una torre del XIV secolo e un ponte del XVI secolo. Durante il periodo romano, con il nome di Corstopitum, era la principale città di presidio e il principale mercato della sezione centrale del Vallo. Si possono visitare i resti del forte romano a sud del muro. Sono ancora visibili i granai e un insediamento non militare.

Un altro frammento del muro è visibile a Planetrees, prima di giungere a Hexham. È una città medievale, dove vale la pena visitare l’abbazia fondata nel VII secolo e ricostruita in stile gotico fra il XII e il XIII secolo.

Chesters

Chesters, l’antica Cilurnum, ospita il forte più grande e meglio conservato lungo il Vallo. Si trova nel punto in cui il muro attraversa il fiume Tyne. Era destinato a ospitare la cavalleria. Oggi rimane poco del ponte che congiungeva le due rive del Tyne. Ma si possono ammirare le terme, che erano riscaldate da un sistema sotterraneo.

Carrawborgh

I resti di un altro forte, chiamato anticamente Brocolitia, si trovano a Carrawborgh. Poco fuori dal forte si trovava un mitreo, cioè un tempio dedicato al culto di Mitra, un’antica divinità venerata in tutto l’impero. Ora sono visibili tre altari.

Housesteads

Il forte di Housesteads è quello nella posizione più suggestiva, su un dirupo di pietra calcarea, affacciato sulla brughiera. Qui si trova l’unico esemplare di ospedale romano in Gran Bretagna. Sono molto ben conservate anche le latrine e le caserme. Il nome romano del forte è Vercovicium.

Vindolanda

Vicino a Bardon Mill si trovano i resti del forte di Vindolanda. Vindolanda era anche una città sulla frontiera. Sono infatti conservate diverse abitazioni, oltre che le strutture militari. Nel museo del sito archeologico si possono ammirare diversi reperti molto preziosi. Qui probabilmente sorgeva il palazzo in cui soggiornò l’imperatore Adriano quando visitò la Britannia nel 122 d. C., l’anno di inizio della costruzione del Vallo.

Haltwhistle

Il tratto di muro compreso tra Vindolanda e Haltwhistle è particolarmente ben conservato. Haltwhistle è un grazioso paese, che non si trova direttamente a ridosso del muro, ma un po’ più a sud. Nelle vicinanze si trova il forte Banna, o Birdoswald, uno dei più importanti e meglio conservati. È situato su uno sperone roccioso a picco sul fiume Irthing, in una posizione spettacolare. Nella vicina cittadina di Carvoran si può visitare l’interessante Roman Army Museum.

Gisland, Brampton, Carlisle

Anche a Gisland c’è un tratto molto ben conservato del muro. Brampton è invece un bel villaggio, immerso nella verde campagna della Cumbria. Carlisle è l’ultima tappa dell’itinerario. È una città di medie dimensioni, sul fiume Eden. Era originariamente una stazione del vallo. Il suo nome latino era Luguvallium. Ma ora, dove sorgeva la fortezza, si trova un castello di origine normanna. L’ultima stazione del Vallo di Adriano era Bowness on Solway, dove però non c’è più traccia del muro.