La cucina Fiorentina, come la cucina toscana in genere, è fra le più deliziose e famose d’Italia. E pensare che è basata su ingredienti semplicissimi: il pane (cotto con una crosta croccante e un dentro leggero), l’olio extravergine d’oliva, usato anche per friggere, la carne alla griglia, le famose bistecche di manzo alla fiorentina, selvaggina arrostita (cinghiale, cervo o coniglio), fagioli e formaggi caldi.

Partendo da questi ingredienti poi le ricette della cucina fiorentina spaziano dai piatti tradizionali alle novità più recenti. Offrendo un’ampia varietà di portate , sapori, colori, e costi, adatte a ogni tipo di palato e a ogni tipo di prezzo.

Il vino ha un ruolo importantissimo. Tutti conoscerete e avrete assaggiato almeno una volta il famoso Chianti, il vino toscano per definizione, che si ottiene mescolando uve di Sangiovese, Canaiolo, Trebbiano Toscano e Malvasia, ed è di un colore rubino vivace.

Nella provincia Fiorentina ci sono almeno 4 tipi di Chianti: il Chianti classico, prodotto nella zona collinare fra Firenze e Siena. Il Chianti  dei Colli Fiorentini, il Chianti Rufina e il Chianti di Montespertoli, che prendono il nome dalle tre sottozone geografiche nelle quali si divide il resto dell’area di produzione della provincia di Firenze.

Un altro vino famosissimo, usato soprattutto per accompagnare i dolci, è il Vinsanto, uno dei prodotti più antichi e tipici dell’enologia fiorentina e toscana.

Nell’area fiorentina si producono due tipi di vinsanto, il vinsanto bianco, ottenuto da uvaggi di Trebbiano Toscano e Malvasia, e “l’Occhio di pernice”, ricavato da uve in prevalenza di Sangiovese.

Eccovi quindi un ottimo menù, se volete pranzare alla fiorentina.

Primo
Ravioli nudi
Ravioli con un ripieno di spinaci, ricotta, uova, parmigiano grattugiato, farina e un pizzico di noce moscata. Potete abbinarli con un sugo di pomodoro, burro e salvia, o con un sugo di carne. Questo tipo di raviolo a Firenze vengono chiamati gnudi, che è la versione dialettale del termine ignudi.

Secondo
Fiorentina
Per Fiorentina si intende un pezzo di carne di manzo con l’osso, cucinato sulla brace. Per i fiorentini doc la bistecca ben cotta è cattiva ed inaccettabile, la parte interna deve essere tenera e succulenta e al sangue, mentre fuori la bistecca deve avere un bell’aspetto grigliato. L’altezza della Fiorentina deve essere circa cinque centimetri, tenera e della migliore qualità.

Naturalmente accompagnate tutte e due le portate con un ottima bottiglia di Chianti.

Dolce
I cantuccini
I cantuccini sono una vera e propria prelibatezza ed un’icona della cucina toscana. Sono fatti con ingredienti semplicissimi: farina, zucchero, uova, burro, scorza di limone e mandorle dolci, con poi delle varianti a seconda della zona (pinoli, anice, ecc). Il modo ideale per gustare i cantuccini è bagnarli nel vinsanto: cantuccini e vinsanto è, uno dei piatti più tipici e famosi in tutto il mondo.

Buon appetito.