Firenze è famosa, come il resto della Toscana, per le feste degli sbandieratori. Se vi troverete per caso in una qualche festa di piazza allora sicuramente vedrete gli sbandieratori, vestiti con i tipici costumi medievali, sbandierare e lanciare in aria le bandiere colorate.

Ciò deriva da un’antica usanza. Infatti il lancio delle bandiere simboleggiava in passato la difesa dei propri colori da parte dei soldati. E celebrava l’abilità dei portabandiera che utilizzavano i vessilli per inviare segnali alle truppe.

Le feste tradizionali della città sono:

Il Festival Musica dei Popoli, ad ottobre all’Auditorium Flog, con musiche da tutto il mondo.

La Festa delle Rificolone, la prima domenica di Settembre, con le processioni dei bambini illuminati da lanterne di carta che celebrano la data di nascita della Madonna.

Capodanno, che a Firenze si festeggia con feste nelle piazze e la tradizionale ,Uscita di Capodanno e  della Società dei Canottieri.

Carnevale, i 10 giorni che precedono il martedì grasso, i bambini indossano i costumi in giro per la città, e vengono distribuiti dei cofanetti.

Scoppio del Carro, la Domenica di Pasqua, un carro altissimo chiamato il Brindello, che significa uomo alto, grosso e dinoccolato, trainato da buoi e pieno di fuochi d’artificio viene condotto fra sbandieratori e musicisti nella piazza fra il Battistero e il Duomo dove viene bruciato.

Festa del Grillo, il giorno dell’Ascensione, gli uomini posano dei grilli davanti alle porte della donne amate per annunciare l’arrivo della primavera.

Festa di San Giovanni , il 24 giugno, per tre domeniche in piazza Santa Croce c’è un torneo con quattro squadre di giocatori a torso nudo che rappresentano i quartieri storici della città.