Acque cristalline, lunghe spiagge dorate frammentate da suggestivi roccioni, piccoli paesi che conservano intatte le tradizioni più antiche, una nutrita vita notturna: così si presenta la regione dell’Algarve. Oltre 150 chilometri di costa suddivisi in tre regioni.

La regione di Sotavento (sopra il vento), ricca di spiagge sabbiose e pianeggianti, si estende tra il confine spagnolo e Faro.

Barlavento (sotto il vento) è caratterizzata da scogliere ripide e insenature molto suggestive.

L’estremità sud-occidentale dell’Algarve, da Lagos a Sao Vicente, più selvaggia e ventosa, è la regione da cui parte il nostro itinerario.

Lagos

Lagos si nasconde dietro ad alte mura di fortificazione. E’ una delle località più affascinanti dell’Algarve.

Sulla Piazza della Repubblica si affaccia l’edificio gotico, un tempo mercato degli schiavi africani. Le più importanti chiese del XV e del XVI secolo sono Sao Sebastiao, Carma e Misericordia.

Il Museu Regional raccoglie reperti archeologici, oggetti d’arte sacra e popolare e una collezione di uccelli della costa impagliati.

Oltre il forte di Pau de Bandera, del XVII secolo, c’è Ponta de Piedade, luogo panoramico e molto pittoresco accessibile tramite una scalinata che si inerpica tra le rocce.

Portimao, Ferragudo, Praia da Rocha

L’itinerario continua con Portimao, a 25 chilometri da Lagos. Cittadina molto dinamica, con una popolazione mista di portoghesi e stranieri. Alla sera, i locali e ristoranti all’aperto regalano un’atmosfera molto vivace e mondana.

Più tranquillo e romantico è il villaggio di pescatori di Ferragudo, di fronte a Portimao sull’altra sponda del fiume Arade. Poco distante troverete Praia de Rocha, la più rinomata città di vacanza dell’Algarve, con i suoi grandi alberghi e gli appartamenti per villeggianti.

Albufeira

Continuando in direzione di Faro, vi troverete ad Albufeira, tipico paesino di pescatori. E’ stata la prima località dell’Algarve a essere apprezzata dal turismo internazionale ed è tuttora un luogo di villeggiatura molto apprezzato e frequentato. Conserva l’incanto delle tipiche case bianche e dei vicoli stretti. Gli scogli di roccia calcarea dorata, le falesie di colore rosso e la spiaggia dei pescatori sono dominate da uno spuntone di roccia dall’aspetto molto pittoresco. Si possono effettuare escursioni sugli scogli e ammirare le numerose baie sabbiose.

Vilamoura

Nei pressi di Albufeira si trova Vilamoura, una cittadina progettata per essere il più grande centro di villeggiatura privata d’Europa. E’ considerato il luogo più mondano e cosmopolita della costa, con tre campi da golf, un casinò, un club d’equitazione, un centro commerciale, il porto degli yacht e svariate possibilità di praticare sport acquatici. Nei dintorni si trovano le spiagge più celebri della costa: Vale do Lobo, Falèsia, Olhos de Agua e Maria Luisa.

Faro e dintorni

Continuando in direzione di Tavira, giungerete a Faro. Cinta da mura medioevali, Faro è il capoluogo e la maggiore città dell’Algarve e sede dell’aeroporto internazionale della regione. All’estremità nord del porto di La Roca ha inizio la zona pedonale di Baixa, con negozietti e locali all’aperto. A sud-est di Faro si estende, per 55 chilometri, il parco naturale di Ria Formosa, habitat naturale di milioni di uccelli migratori. Nei dintorni si possono visitare diversi paesi interessanti: Estoi, Olhao e Loulé.

A Estoi sorge, ormai abbandonato da anni, un palazzo nobiliare del XVIII secolo. Nelle vicinanze si trovano le famose rovine romane di Milreu, con i resti di una villa del III secolo e le terme, con numerose vasche ornate da mosaici.

Olhao è stata definita la città cubista perchè, la parte antica del paese, è caratterizzata da case bianche dal tetto basso che ricordano di più un insediamento berbero del Marocco che un centro agricolo portoghese. Il paese possiede uno dei porti di pesca più grandi e pittoreschi della zona, con spiagge tranquille di sabbia fine. Nei ristoranti caratteristici del centro si può gustare il pesce appena pescato.

Loulé è una piccola località a nord di Faro, sulle pendici delle montagne, ma vicina al mare. Da qui si godono la quiete e l’aria fresca dell’Atlantico. Loulé è il vero centro dell’artigianato dell’Algarve e lungo le sue vie si possono ammirare l’esecuzione di lavori in rame, ceramica e cera. Il centro storico è ricco di chiese e monasteri gotici e rinascimentali, come la chiesa di Sao Clemente, del XIII secolo, il convento di Espirito Santo, con la galleria d’arte comunale e la Rocca, di epoca araba. Al sabato si svolge il mercato locale.

Tavira

Si prosegue poi per Tavira, città storica di origine romana. Considerata la città più bella della costa est dell’Algarve, è circondata da vigneti che producono un eccellente vino. Ricca di chiese e di spiagge tranquille. Dalla rocca, il punto più alto della città, si possono ammirare il ponte romano e i tetti della città vecchia. Le spiagge migliori si trovano sulle isole, raggiungibili con le barche dei pescatori o a piedi, guadando il tratto di mare durante la bassa marea. Da visitare, nei dintorni, i villaggi di Luz, Santo Estevao e Santa Luzia.

Monte Gordo

Vila Real De Santo Antonio è l’ultimo paese della costa orientale dell’Algarve, frontiera di accesso alla Spagna. Sorto sulle rovine dell’antica Santo Antonio, rappresenta un interessante esempio di urbanizzazione del XVIII secolo, oltre ad essere meta prediletta dei vicini spagnoli, che affollano la località balneare di Monte Gordo. Poco distante c’è Castro Marim, cittadina dal passato leggendario, possente fortezza e sede medievale dell’Ordine Cavalleresco del Cristo, fondato nel 1319, divenne in seguito una prigione del tribunale dell’Inquisizione. Nei dintorni, arenili di acque tiepide sono incorniciati dal verde dei pini. Circa due chilometri a sud, ai piedi di un vigneto, sentieri circolari conducono sopra i bacini delle saline, dove nidificano stormi di fenicotteri.