La Turchia è una terra ricca di stazioni termali. Ne conta più di mille e si trovano soprattutto nella parte occidentale dell’Anatolia.
Ecco alcuni tra gli stabilimenti termali più interessanti:

Çekirge

Çekirge (Bursa) è una zona ricca di fonti termali e stabilimenti dove potersi rilassare e curare. Le acque contengono bicarbonato, zolfo, sodio, calcio e magnesio. Sono adatte a curare i reumatismi, disturbi ginecologici e dermatologici.

Pamukkale

Pamukkale è stata dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità nel 1988. Il fascino di questo luogo è dovuto alla magia del paesaggio naturale creato dall’acqua termale nel corso dei secoli e alle rovine dell’antica città termale di Hierapolis.
L’acqua sgorga a 35°C a una velocità di 500 litri al secondo ed è famosa per le sue proprietà curative (problemi di circolazione, agli occhi, alla pelle, reumatismi).
Godere i benefici dell’acqua termale delle piscine naturali, adagiati sulle rovine che emergono dall’acqua, è un’esperienza da non perdere.

Balçova

Si trova a 10 chilometri da Izmir e possiede la più grande piscina termale coperta della Turchia. L’Università di Ege vi ha costruito un centro terapeutico. Le acque sono adatte per curare problemi di sciatica, ginecologici, nervosi, intestinali e urinari.

Çesme

È una delle località di villeggiatura più famose della Turchia. Ha bellissime spiagge, mare cristallino e dista 94 chilometri da Izmir.
Le acque delle sue terme contengono cloruro, sodio, magnesio, fluoro e danno benefici a chi ha problemi dermatologici, ginecologici, urinari e metabolici.

Yalova

Gli antichi romani l’hanno resa celebre. Fu ricostruita dagli Ottomani ed era la stazione termale preferita da Ataturk.
Si trova a 11 chilometri da Yalova ed è caratterizzata da molte piscine coperte. Le acque che sgorgano dalle numerose sorgenti contengono zolfo, sodio e calcio (55°/60°) e sono adatte per la cura di reumatismi, problemi ginecologici, urinari e nervosi e per tenere sotto controllo il livello del colesterolo che degli zuccheri.

Oruçoglu

Oruçoglu si trova a 14 chilometri da Afyon. E’ un centro termale moderno e ben attrezzato. L’acqua è ricca di biossido di carbonio, bicarbonato di sodio, cloruro di sodio, bromuro e fluoruro ed è adatta a curare artrite, sciatica, ernia del disco, nevralgie, lombaggine, osteoartrosi.

Hdayi

A 10 chilometri da Santikli, nella provincia di Afyon. E’ un centro termale piuttosto piccolo. Le acque contengono zolfo, idro carbonato, sodio, calcio, biossido di carbonio, bromuro e fluoruro (75°/80°) e sono adatte sia per problemi interni che esterni dell’organismo e in particolare per problemi reumatici, dermatologici, ginecologici e digestivi.

Gönen

È un centro termale a nord di Balikesir. Ha un centro attrezzato dove potersi curare con acque che contengono zolfo, cloruro, sodio, idro carbonato e biossido di carbonio. Sono l’ideale per curare problemi dermatologici, reumatici, urinari e nervosi.

Balikli Çermik

Si trova a 12 chilometri da Kangal, nella provincia di Sivas.
È una stazione termale particolare. Il suo nome turco significa sorgente calda con pesci. E infatti ci si immerge in un’acqua popolata di piccoli pesciolini che hanno un ruolo importante nella cura della psoriasi.