La Sardegna è ricca di tradizioni e costumi saldamente radicati, come dimostrano le molte sagre e le feste legate alla devozione per un santo, alla semina, al raccolto, alla pastorizia, ed è anche la patria di tanti festival letterari e musicali.

Eccovi gli eventi culturali da non perdere.

Gli eventi culturali


Festival Letterario della Sardegna: si svolge a inizio Luglio a Gavoi (in provincia di Nuoro) e prevede incontri e interviste con autori e operatori del settore editoriale e culturale, dibattiti tematici, reading, incontri e laboratori per i ragazzi, mostre fotografiche d’arte contemporanea e installazioni, spettacoli teatrali e musicali.

Festa della Letteratura e delle Arti: si svolge a fine Settembre ad Asuni (in provincia di Oristano) ed è un appuntamento con la poesia internazionale, la scrittura contemporanea, l’arte visuale, la musica di tanti artisti internazionali che vengono accolti all’interno delle domus de janas alle lollas, le antiche case contadine abbandonate e deserte.

Settembre dei poeti: si svolge fra Agosto e Settembre a Seneghe (in provincia di Oristano) ed è un festival della poesia organizzato dall’Associazione Perda Sonadora che si festeggia con quattro giorni di poesie e incontri con gli autori per le strade e le piazze del piccolo paese nel centro del Montiferru.

Ai confini tra Sardegna e Jazz: si svolge tra Agosto e Settembre a Sant’Anna Arresi con performance di artisti di fama nazionale e internazionale, in uno degli appuntamenti più prestigiosi dell’estate sarda.

Calagonone Jazz: si svolge a Cala Gonone (in provincia di Nuoro) a Luglio con bellissimi concerti dei jazzisti fra i più noti nel panorama nazionale e internazionale.

Narcao Blues: si svolge l’ultimo weekend di Luglio a Narcao (Carbonia-Iglesias) dove potrete ascoltare i concerti dei migliori artisti internazionali del genere blues.

Time in Jazz: si svolge a Berchidda nella storica regione del Logudoro ad Agosto ed è organizzato dal muscista Paolo Fresu fin dal 1988.

Le feste


Fra le numerose feste tradizionali della Sardegna, ricordiamo:

– Carnevale in Sardegna. Inizia il 17 Gennaio, giorno dedicato a Sant’Antonio Abate, e dura fino al mercoledì delle Ceneri. Tra il 16 e il 17 Gennaio, a Mamoiada, appaiono “pubblicamente” i Mamuthones e gli Issohadores, che si aggirano danzando intorno ai fuochi e cercando di “prendere al lazo” gli spettatori. L’ultima domenica e il martedì di Carnevale a Oristano si corre la Sartiglia, una spettacolare corsa all’anello.

– La Cavalcata Sarda. Si svolge la penultima domenica di Maggio a Sassari ed è una delle più importanti manifestazioni folkloristiche della Sardegna

– Sa Die de Sa Sardigna. Si celebra a Cagliari il 28 Aprile, è nota anche come la “Festa del popolo sardo”.

– Sagra di Sant’Efisio. Si festeggia a Cagliari il 1° Maggio, in onore del santo più venerato dell’isola che secondo la tradizione popolare liberò la città da una terribile epidemia di peste. La festa di Sant’Efisio è considerata uno dei più importanti eventi religiosi della Sardegna.

– Settimana Santa. In Sardegna è caratterizzata da manifestazioni ed eventi che rievocano tradizioni di origine spagnola e antichissime usanze locali in cui sono coinvolte le Confraternite che spesso risalgono al Medioevo. In particolare, si segnalano le Processioni dei Misteri, Su Scravamentu, legato ai riti della deposizione dalla croce e S’Incontru, la rievocazione dell’incontro tra Gesù e la Madonna.

– Ardia. Rituale corsa a cavallo dedicata a San Costantino, che si svolge il 6 e 7 Luglio a Sedilo, Pozzomaggiore, Samugheo e in altre località della Sardegna.

– Is Fassonis. Regata che si svolge l’ultima domenica di Luglio o la prima domenica di Agosto nello stagno di Santa Giusta su imbarcazioni fatte di fascioni di canne che secondo alcuni studiosi sarebbero di origine fenicia.

– Matrimonio Mauritano. Si celebra a Santadi nel mese di Agosto e fa riferimento all’unione tra le popolazioni africane e quelle della Sardegna meridionale che risalirebbe al I millennio a.C.

– Corsa degli Scalzi. In onore di San Salvatore, si svolge nell’antico borgo omonimo, vicino Cabras, la prima settimana di Settembre.