La cucina sarda è basata sugli ingredienti provenienti dall’agricoltura e dalla pastorizia dell’isola. Si tratta di piatti molto semplici, arricchiti da aromi come lo zafferano, ricavato dal croco che cresce spontaneamente sull’isola, il mirto da cui si ricava un dolce liquore digestivo, il rosmarino, l’alloro e la menta.

I piatti tipici in Sardegna


Tra gli antipasti assaggiate i “coccoi de sartizzu”, una specie di salsiccia, prosciutto di cinghiale, olive in salamoia aromatizzate al finocchietto selvatico. Ma ricordiamo soprattutto la bottarga, anche detta caviale sardo, uova di tonno o di muggine schiacciate, cosparse di sale e lasciate seccare. La bottarga viene prodotta in tutto il mondo, ma quella sarda è la migliore in assoluto per sapore e qualità.

Fra i primi piatti provate “is malloreddus” e “is culingionis”, ripieni di formaggio fresco o ricotta, spinaci e zafferano, “su pani frattau”, di pane carasau, la “fregula” e la “suppa cuatta”, tipico piatto di Santa Teresa di Gallura fatto di pane imbevuto nel brodo di carne e cosparso di formaggio fresco.

Come secondo non perdetevi il tenero e famoso “porceddu” e l’agnello arrosto, ma anche l’aragosta, i granchi e i gamberoni.

Ciò che caratterizza la cucina sarda sono anche i legumi fra i quali trovate soprattutto le fave lesse, fresche o secche.

I dolci in Sardegna


Se amate i dolci, gustatevi i Torroni di Tonara e di Aritzo, i sospiros, i gueffus e i candelas, tutti di pasta di mandorle, e le pabassinas, fatte con mandorle tritate e farina.

Da bere in Sardegna


Accompagnate i vostri pasti con un buon Cannonau, vino rosso che deve essere invecchiato almeno un anno in botti di rovere o castagno, dal gusto caldo e pieno, oppure con un leggero Vermetino di Gallura, un bianco ineguagliabile per accompagnare piatti a base di molluschi, pesce arrostito, crostacei e gli spaghetti alla bottarga.

Chi al vino preferisce la birra, potrà dissetarsi con una buona Ichnusa, la birra locale presente in tutta l’isola, definita dalle parole sull’etichetta: bionda Sardegna. Per accompagnare i dolci, la parola d’ordine è: Malvasia!