Ankara è la capitale della Turchia . Si trova in Anatolia Centrale, a circa 440 chilometri da Istanbul.

Ankara, cenni storici

Le origini di Ankara risalgono all’ Età del Bronzo e alla civiltà Ittita. Conosciuta da Romani e Bizantini con il nome di Angora, fu conquistata dagli Ottomani nel 1402. Fino alla Prima Guerra Mondiale, Ankara fu una piccola cittadina di modesta importanza, famosa per il commercio di lana d’angora. Grazie alla sua posizione divenne la base della resistenza per la liberazione della Turchia. Nel 1923, dopo la Guerra d’Indipendenza, guidata da Mustafa Kemal Atatürk, Ankara fu proclamata capitale della neonata Repubblica Turca.

Cosa vedere ad Ankara

Atatürk si dedicò all’ampliamento e allo sviluppo di Ankara chiedendo aiuto a famosi urbanisti europei. Il risultato è evidente nei viali molto ampi e lunghi, nelle zone residenziali e nel grande parco della parte più moderna della città dove c’è l’Anit Kabir, il mausoleo di Kemal Atatürk, e il Museo della Guerra d’Indipendenza.

La città vecchia di Ankara risale all’epoca romana e comprende l’Hisar, la fortezza. All’interno della cittadella c’è un villaggio tradizionale turco restaurato. Molte abitazioni sono state trasformate in negozi, bazar e ristoranti. La piccola moschea della cittadella, Alaettin Camii, è del XII secolo. Dalla torre Ak Kale si gode un bellissimo panorama.

Interessanti testimonianze dell’età romana sono le Terme Romane del III secolo d.C., la Colonna dell’imperatore Giuliano l’Apostata risalete al IV secolo d.C., le rovine del Tempio di Augusto. Gli scavi intorno alla cittadella hanno portato alla luce un Teatro Romano le cui statue sono esposte al Museo delle Civiltà Anatoliche.

La piazza principale di Ankara è Ulus Meydani, caratterizzata dalla statua equestre di Atatürk. Ulus, è il fulcro commerciale della città ed è quindi sempre molto affollata. Dalla piazza parte l’Atatürk Bulvari dove si trova il Museo Etnografico, che ospita un’interessante collezione di hattat, calligrafie islamiche, magnifiche porte in legno intarsiate, armi, abiti, ricami e strumenti musicali. Accanto al Museo Etnografico c’è il Museo della Pittura e della Scultura che illustra la storia dell’arte turca.

Dalla sua proclamazione a capitale ad oggi, Ankara ha avuto un forte sviluppo. Anche se Istanbul è considerata la capitale culturale della Turchia, Ankara non ha nulla da invidiarle. Conosciuta soprattutto per la sua stagione concertistica e operistica particolarmente ricca, offre anche interessanti performance teatrali, di danza moderna, balletto e concerti jazz.