Palenque

Il sito maya di Palenque esercita un fascino straordinario. Non solo per la bellezza dei monumenti e per i misteri che circondano alcuni suoi edifici. Ma anche per il fatto che si trova in mezzo alla foresta. Camminando per i sentieri, si possono sentire i rumori delle scimmie urlatrici. Originariamente poi, i templi erano di colore rosso e dovevano essere ancora più impressionanti.

Palenque si trova sui pendii della Sierra Norte, nello stato del Chiapas, nel Messico meridionale. Occupa un’area vastissima. Ma la zona visitabile è molto ridotta. In più, gran parte degli edifici sono ancora sepolti dalla vegetazione. La loro forma si intuisce sotto il verde della foresta. Palenque à, infatti, stata riscoperta solo nel ‘700.

Palenque conobbe il suo massimo splendore sotto il re Pakal. Il re governò la città fra il 615 e il 683 d.C. A Pakal succedette il figlio Chan Balum, che continuò le grandi opere di edificazione del padre. Ma alla sua morte Palenque iniziò un rapido, e per molti versi inspiegabile, declino.

Il principale edificio di Palenque è il Templo de las Inscripciones. La sua costruzione è stata iniziata da Pakal e terminata da Chan Balum. Il tempio è alto 25 metri, suddivisi in otto piano, uniti da una scalinata di 69 gradini. La sua cima è coronata da una cresta di stucco, tipica delle costruzioni di Palenque. L’esterno del tempio è decorato con alcuni pannelli che raccontano la storia della città e dei suoi governanti. Nel 1952, all’interno del tempio, è stata scoperta una cripta contenente un sarcofago. Si tratta della tomba di Pakal. è stato anche ritrovato lo scheletro adornato da una maschera di giada. Ora scheletro e maschera si trovano al museo di antropologia di Città del Messico. I Maya, come gli egizi, usavano le loro piramidi come luoghi di sepoltura. Questa scoperta è stata fondamentale per conoscere questo popolo così misterioso

El Palacio è un grande edificio, probabilmente adibito a osservatorio astronomico. è infatti dotato di una torre a quattro piani. è una specie di labirinto. è costituito da una serie di stanze, dove probabilmente risiedevano i sacerdoti.

Il Grupo de la Cruz è costituito da tre edifici molto importanti, costruiti in onore di Cham Balum. Il Templo del Sol è molto ben conservato. Possiede una cresta ancora intatta. Al suo interno è rappresentata l’adorazione del sole. Il Templo de la Cruz ha una decorazione che raffigura Pakal e Cham Balum davanti all’albero della vita (la ceiba, un albero tipico della foresta tropicale). Nel Templo de la Cruz Foliada l’albero della vita compare insieme a pannocchie di mais, simbolo di fertilità e al quetzal, un uccello sacro per i Maya.

Del Grupo Norte fanno parte il Templo del Conde, così chiamato perchè un eccentrico o nobile francese, il conte di Waldeck abitò sulla sua cima per ben due anni, e il campo de la pelota. Il gioco della palla era molto diffuso tra i Maya. Tutti i siti hanno un loro campo. Tuttavia, le regole non sono ancora chiare. Secondo alcuni, i giocatori della squadra vincitrice venivano sacrificati agli dei.