Appena superato il confine di Ventimiglia, appare Mentone, la prima località della Costa Azzurra arrivando dall’Italia. La cittadina si adagia lungo una baia circondata dalle montagne: la Baie du Soleil.
Ma ville est un jardin è il motto municipale di Menton. Il verde è ovunque. La vegetazione selvatica si arrampica sulle rocce dei Balzi Rossi, le limonaie guardano il mare sopra la città vecchia e fiori curatissimi decorano i viali. Le case e le ville sono circondate da palme, pini marittimi, ginestre, ulivi e alberi di agrumi.

La città vecchia di Mentone

La città vecchia di Mentone, dominata dalla barocca Eglise Saint-Michel, è oggi tra gli esempi meglio conservati di città liguri medievale. Il centro storico è circondato da una muraglia di case altissime, strette l’una all’altra. Le finestre sono disallineate, i colori mutano a ogni facciata. Si passeggia piacevolmente attraverso archi, scale e vicoli ombreggiati dove ancora si sente parlare il patois mentonnais: una lingua antica dove si incontrano francese, italiano, provenzale, spagnolo e arabo.

Il porto di Mentone

Il porto vecchio di Mentone è in una posizione bellissima per ammirare la cittadina e la costa, soprattutto camminando sull’alta muraglia che lo circonda. Poco lontano, nella torre di un forte del XVII secolo, si trova il Museo Jean Cocteau, restaurato dall’artista stesso.

Il lungomare di Mentone

Il lungomare di Mentone è ampio e curato. Quai Bonaparte conduce dal porto verso l’elegante quartiere di Garavan. La vista è sulle rocce scoscese dei Balzi Rossi. La Promenade du Midi va verso ovest, dove Menton confina con Cap Martin. Coperto di ville nascoste dal verde, il capo ha delle viste bellissime sia verso la costa italiana sia verso Monte Carlo. C’è un bel sentiero da fare a piedi che prende il nome dal famoso architetto Le Corbusier che qui aveva il suo studio e rifugio.