L’isola di Lampedusa si trova a 200 km a sud della Sicilia, bianca e luminosa, sperduta nel mediterraneo e tappa fissa per tantissimi turisti in cerca di evasione ed esotismo.

Quest’isola ha anche una storia tutta particolare fu infatti ceduta da Ferdinando di Borbone ad una famiglia di signorotti, divenne poi per molti anni terra di malfattori dove sai rifugiavano banditi e briganti che vivevano qui lontano dal mondo assieme ai pescatori dell’isola.

Non tutti sanno poi che Giuseppe Tomasi il famosissimo autore del “Gattopardo” era duca di Palma nonché principe di Lampedusa.

Potete raggiungere l’isola o in aereo o in nave con una lunga traversata.

Lampedusa non potrà che stupirvi appena vi metterete piede, con le sue meravigliose acque color smeraldo che non hanno nulla da invidiare alle Maldive, le sue spiagge bianchissime, ed un paesaggio in stile tunisino movimentato dalla Vespe sempre onnipresenti.

Sarà bello perdersi lungo la costa meridionale fra le baie di sabbia bianca con dirupi calcarei disegnate dalle rocce. Le spiagge che non dovete perdere sono quelle dell’isola dei Conigli e la più selvaggia Cala Pulcino.

Inoltre potrete effettuare immersioni nel mare cristallino ricco di pesci, gite in Vespa ed in piccole Jeep lungo l’isola e giri in barchetta con soste nelle baie per giocare con i pesci.

Provate anche la deliziosa cucina locale con pasta all’aragosta, risotto al nero di seppia, liquore all’anice e piccole olive nere piccanti.